SPECIALE CORONAVIRUS

Il maxi calendario del Fisco fa i conti con l’emergenza.

Più di 40 scadenze da qui al 31 luglio.

Imprese e professionisti cominciano a fare i conti con il calendario fiscale dei prossimi mesi, che include:

  • i pagamenti ordinari (21),
  • le rate della pace fiscale (dieci)
  • e gli adempimenti (nove).

Tra i tanti effetti dell’emergenza Coronavirus c’è anche la difficoltà di fronteggiare gli appuntamenti imposti da un’agenda che alla fine della scorsa settimana era ancora di fatto invariata, al di fuori delle zone rosse. Nonostante il posticipo dell’invio delle certificazioni uniche al 31 marzo, infatti, l’obbligo dei versamenti resta intatto.

A partire dall’appuntamento con la liquidazione dell’Iva annuale di lunedì 16 marzo (rinviabile o rateizzabile, ma con maggiorazioni) e da quello con i tradizionali F24 del 16 mese (ritenute, Iva mensile, contributi).

Aspettiamo un immediato (speriamo!) decreto fiscale che fissi le linee guida.

Vi terremo informati.